Utilizziamo i cookie per offrirti i migliori contenuti del nostro sito. Se continui la navigazione intendiamo che tu condivida questo utilizzo.AccettaInformativa estesa
AIB INVORIO

Portale

Accedi

Gestione squadre

Gestione squadre

Dalla galleria foto...








Calendario eventi squadra

prossimi eventi:

Collegamenti

SQUADRA

Centro Software Tre srl
software - computer - internet
PROLOCO INVORIO
ASSOCIAZIONE TURISTICA
COMUNE DI INVORIO
sito ufficiale
CORPO AIB PIEMONTE
organizzazione regionale
ARONA NELWEB
lo scatto sugli eventi del nostro territorio
ASSOCIAZIONE SPORTIVA "VOLPINVO'"
promozione territorio e mountain bike

CORPO AIB PIEMONTE

VIGILI DEL FUOCO
PROTEZIONE CIVILE
REGIONE PIEMONTE
CORPO FORESTALE

Storia

Dal campanile , alto sul paese , la campana grossa ( il campanon ) diffondeva rintocchi  cupi e ritmati e la gente li udiva e dalle case e dalle campagne uomini di buona volontà accorrevano nella piazza davanti  il  municipio per avere informazioni precise e organizzare l’intervento;  era in atto sul territorio un incendio  che devastava i boschi ed era urgente intervenire per circoscriverlo e  contenere i danni...

Allora, era certamente più forte la dipendenza dell’uomo dal bosco, tanto che lo utilizzava per molteplici necessità:
- raccolta delle foglie per il bestiame
- taglio dei pali per sostenere i vigneti
- taglio della legna da ardere .

Avute le indicazioni il gruppo partiva alla volta dell’incendio armato di rastrelli e badili.
Quanto rischio – quanta fatica e quanto tempo per averne ragione; poi…. Severe disposizioni imponevano ai proprietari danneggiati di intervenire – ripulire e tagliare i ceppi bruciati. Così…… per lunghi anni;

lo ricordano i nostri nonni più attempati e pure io che scrivo queste cose che di anni ne ho un po meno ma ho avuto comunque occasione da piccolo di ascoltare quei rintocchi.

L’organizzazione si evolve , la campana non suona più, gli uomini di buona volontà vengono informati e convocati telefonicamente ed affrontano l’incendio con qualche attrezzo in più, sempre semplice, ma più efficace ; siamo nel 1982.
Nel 1994 quel gruppo di ragazzi di buona volontà si raduna in assemblea con la partecipazione straordinaria del responsabile provinciale dell’Associazione Volontari Antincendio Boschivo ( Bressan Tiziano ) peraltro già costituita a livello regionale, ed alcuni esponenti dell’Amministrazione comunale, per avere informazione a proposito della Legge quadro sul volontariato - Legge 266 del 11.08.1991 - e legge Regionale n. 38 del 29.08.1994 e, in buona sostanza, dopo aver recepito quelle indicazioni , formalizza di fatto la costituzione della squadra A.I.B di Invorio e nomina il primo Consiglio. ( Presidente Curella Alfonso . Vice presidente Capacchi Adriano, Segretario/tesoriere Vicari Costanzo, revisore dei conti Pirali Fiorenzo.
In data 01.09.1995 entra in vigore la convenzione tra AIB e Regione Piemonte per l’espletamento delle funzioni di prevenzione ed estinzione degli incendi boschivi.
La squadra di Invorio si iscrive all’Albo dei volontari ( decreto 799 del 20.02.1995 )
Su tutto il territorio regionale si va diffondendo l’iniziativa della costituzione di squadre di volontari AIB; risultano essere già n. 167 con 3.670 volontari.
La squadra è operativa a tutti gli effetti e può fare piccoli interventi di protezione civile, ma con molta difficoltà ; non ha un automezzo, non ha una sede.
Riunioni e assemblee vengono convocate presso i bar o presso il locale della biblioteca ( ex latteria ) o presso il locale ex Asilo di Invorio Superiore ; proprio in questo luogo durante l’assemblea del 24.10.1995 veniva deciso l’acquisto di un automezzo d’occasione ( Subaru 4 x 4 AJ5.
Siamo a gennaio del 1996, revisore dei conti è nominato Aceti Romeo ed i volontari vengono dotati di nuove tute. L’organizzazione a livello regionale si perfeziona e vengono create le aree di base.
La squadra di Invorio riconoscente per l’opera svolta dal Volontario Cerutti Luigi, deceduto nel febbraio del 1990 decide di intitolare la squadra a suo nome ( festa organizzata in concomitanza con quella dell’Oratorio il 27.10.1996).
Con il ricavato dalla vendita dell’automezzo non più utilizzato dall’AVIS Invorio per il servizio di autoambulanza è possibile acquistare una autocarro Bremach usato.
Cresciuto il parco automezzi AIB a 2 unità si rende necessario avere a disposizione un luogo per il ricovero.
Il 29.12.1997 si parla della costruzione di un ricovero mezzi e di una sede sul terreno di proprietà comunale in regione Pomeola.
Il 10.03.1998 il progetto è definitivo in quel luogo, avendo scartato altre possibilità.
Il 05.10.1998 superate alcune difficoltà economiche il gruppo di lavoro appositamente costituitosi fra i volontari in pensione ( Aceti Romeo – Cermusoni Gianni . Zonca Luigi – Guagliardo Sergio ) da inizio alla costruzione dell’autorimessa.
L’attività dell’associazione è frenetica in questi anni ,sia per la siccità che favorisce l’innesco di numerosi incendi nei mesi invernali e primaverili , sia in contrapposizione per l’eccesso di piogge nei mesi autunnali .
La squadra è presente sul territorio in ogni occasione e largo è il consenso che ottiene per l’organizzazione e la risoluzione di tanti problemi.
Il labaro AIB è presentato e benedetto ad Orio il 29.11.1998.
La squadra AIB amplia gli orizzonti ed offre nel 1999 la sua partecipazione alla missione “arcobaleno “ nel Kossovo.

A cavallo degli anni1999 – 2000 L’Associazione AIB regionale si evolve per diverse esigenze operative e si propone come “Corpo “presentando la bozza di un nuovo statuto. Cambia l’organizzazione delle squadre, la distinzione dei soci , la dotazione dei dispositivi di sicurezza, l’organigramma regionale.
Nel frattempo i lavori per la l’autorimessa e la nuova sede sono conclusi e l’inaugurazione è resa possibile Domenica 8.10.2000.
I volontari AIB sono presenti in paese a sostegno di ogni iniziativa, collaborando anche con iniziative della Proloco ( sentieri gastronomici 2001 )
Siamo nel 2004 ed è c’è l’esigenza di ampliare la sede per contenere mezzi e attrezzature.
Il Corpo AIB inserisce la squadra di Invorio fra le prime 40 squadre per mole di attività svolte e autonomia operativa.
Sempre nel 2004 a seguito cambiamenti in seno alla Protezione Civile e all’obbigatorietà dei Comuni di dotarsi di supporti per la Protezione Civile, la squadra AIB si inserisce a pieno titolo sottoscrivendo apposita convenzione che viene poi estesa anche ai Comuni di Briga Novarese e Paruzzaro.
Nel 2005 è definita la costituzione di un gruppo di volontari in “presidio” a Briga Novarese.
Nel 2006 inizia la presenza del Corpo Regionale AIB nel programma interregionale e pluriennale con la Liguria e la Puglia.

Il parco mezzi a disposizione della squadra si amplia di Un ZK.
Nel 2008 vengono portati avanti alcuni progetti per ottenere finanziamenti da destinare all’acquisto di nuove attrezzature e di un nuovo automezzo.
L’ampliamento dei sistemi informatizzati, la diffusione di mezzi ricetrasmittenti,i messaggi sul telefonino personale, la possibilità di visualizzare ogni volontario in attività, moduli di spegnimento montati su mezzi a doppia trazione in grado di raggiungere luoghi impervi, il supporto di mezzi aerei di spegnimento, ci fanno veramente dimenticare i rintocchi a martello ritmati della campana e le marce di avvicinamento con il badile in spalla, ma una sola cosa è rimasta intatta la “ buona volontà “e quello spirito di amicizia che accumuna un po’ tutti i volontari, rendendoli quasi partecipi di una grande famiglia.